fatevi le vostre varietà
PIANTE/SEMI

fatevi le vostre varietà

Tratto dal libro minima ruralia di massimo Angelini; Le varietà potrebbero essere paragonate a un manufatto; comunque sono un lascito, un’eredità, un patrimonio comunitario per definizione. Definire le risorse genetiche e espressione di fragile consapevolezza o imbarazzante forma di ridotti risma, come sarebbe se si definisse un mobile come un aggregato di molecole, un dipinto … Continua a leggere

storie di semi
PIANTE/SEMI

storie di semi

I semi da milllenni accompagnano la storia dell’umanità, degli spostamenti e delle migrazioni dei popoli, in tempo di guerra e in tempo di pace, io amo seminare e coltivare, amo la storia fin da piccolo, soprattutto amo le storie piccole, quelle delle persone normali, moltiplicando un  seme porto avanti una storia, iniziata chissà dove e … Continua a leggere

zea mays
PIANTE/SAPORI/SEMI

zea mays

Il mais, una coltura impegnativa, frustrante e che a volte fa arrabiare, spesso mi salgono i dubbi, perchè continuare a coltivarlo? necessità di un terreno ricco, sole, temperature adatte, acqua, è attaccato dalla piralide, ed anche se qui non è ancora arrivata la diabrotica, ma chissà che un giorno non possa infilarsi per la valle … Continua a leggere

la melga spinusa
PIANTE/SEMI/VALLI

la melga spinusa

Mais nero spinoso, tradizionale della valle, frutto di una diatriba tra paesi vicini, ma anche tra valli vicine, questioni di identità, territorio, campanilismo, marketing e tanto altro, tanto che il nome è stato cambiato da spinato a spinoso, e da mais di Esine a Mais di Vallecamonica, roba da far cascare le XXXXX, va bene … Continua a leggere

mettete fiori nei vostri cannoni, mettete pomodori sui vostri balconi
PIANTE/SAPORI

mettete fiori nei vostri cannoni, mettete pomodori sui vostri balconi

Un giorno un operaio che lavorava nel campo confinante al mio mi fermò per fare quattro chiacchere, subito l’argomento virò sull’orto e i pomodori, mi fece i complimenti per i frutti sani e particolari che maturavano nel mio orto, così io gentilmente ne raccolsi uno e glielo porsi perchè lo gustasse, sbarrò gli occhi e … Continua a leggere