TERRA

quello che le mamme non ci hanno detto

Molti di noi avranno fatto l’orto da bambini con la mamma, io ero l’addetto alla semina dei fagioli, sì perchè erano gli unici frutti del nostro orto che mangiavo insieme alle patate, ero viziatello!, ahh che bei ricordi! Le mamme ci hanno insegnato a zappare e sarchiare ma hanno tralasciato dei dettagli…dettagli che abbiamo appreso solo in seguito per chi ha continuato a praticare l’orticoltura, l’esistenza di parassiti e malattie su tutto, così abbiamo scoperto che ciò che coltiviamo non è come il prodotto appena uscito dal banco verdura di un supermercato, ma una lattuga può essere smangiucchiata o addirittura sparire nel nulla divorata da chissà chi, un pomodoro può avere il “cul negro” e dei vermetti assalgono i nostri “gabuss” lasciando solo la nervatura centrale in un batter di ciglia, a volte grandina e quando deve esserci il sole piove e viceversa, e la gramigna? il convolvolo? ora dopo aver scoperto la realtà nascostaci dalle nostre mamme abbiamo diversi modi per reagire, c’è chi non l’accetta e applica metodi anche bruschi e chi come me se ne fa una ragione, anche tutto questo è natura; una malattia fungina, una limaccia le chiamo normalità e probabilmente se non ci fossero dovremmo preoccuparci, un ottimo insegnamento per non affidarsi alle monocolture, io quando semino metto in preventivo le perdite, metto in preventivo che non sono l’unico essere nel campo e mi attrezzerò per avere più piante, più semi, forse qualcheduno dopo essere germogliato verrà divorato o addirittura non spunterà, marcendo nell’umido terreno, io imperterrito riseminerò o trapianterò…certo a volte siamo esagerati, una bieta con delle macchie rugginose perchè dovrebbe preoccuparci? se l’abbiamo coltivata noi in modo sano sarà senz’altro commestibile, ci siamo abituati troppo bene, sbirciando nei banchi verdura dei supermercati, io diffido della perfezione.

Annunci

One thought on “quello che le mamme non ci hanno detto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...